ballatasadica

A sua (di Lei) immagine e somiglianza.

Archivi per il mese di “febbraio, 2015”

aggiornamenti

Oggi è stato strano, in un certo senso duramente rivoluzionario.
Sono adulta.
L’ho scoperto poco fa, ed è stato come svegliarmi all’improvviso dopo un letargo durato un paio d’anni.
Ho sollevato la testa dai libri di diritto (domani ho un esame) e mi sono resa conto
1- di essere matematicamente in ritardo con gli studi
2- di studiare male e in modo pasticcione, anche se ho la media alta alta
3- che del diritto privato comparato fotte una sega

e a catena diversi corollari:
a) quanto cazzo sono imbruttita/ingrassata
b) quante cazzo me ne sono successe
c) quanto cazzo di tempo fa perdere lo stare depressi.

ora: non per giustificarmi, ma ho avuto tutte le buone ragioni per deprimermi e ingozzarmi come un porco.
Mio padre è andato via di casa perché ha l’amante, ergo mi ha abbandonata con mia madre depressa a seguito.
i miei nonni, con cui vivo, stanno male.
E’ iniziata una sega di corsi e ricorsi dagli avvocati per la pratica di divorzio.
La mia vita sociale si è ridotta a meno uno, quella sentimentale… non ricordo manco che forma ha un cazzo, l’autostima stra-sotto zero.
Problemi di salute e problemi di ansia, problemi con gli esorcisti e tutto quanto.
Un inferno.

E all’inferno si perde tempo, cazzo.
Col mio libro sono indietro. Con un sacco di cose sono indietro.
Perché quando ti si rovesciano tanti problemi addosso puoi sfoderare tutto l’ottimismo che vuoi, non serve a una sega.

Io stessa sono l’essere più arrogante ed egoista al mondo.
Ho barattato l’autostima per salvarmi la pelle. Per non morire.
Ho lottato per non morire.

Non sono morta.

Lucidamente spietata a discapito delle seghe mentali che mi facevo prima, alla post adolescenza favoleggiante.
Sono molto nazista, ora.

Da circa un mese ho iniziato a rimettere ordine. Mangio meno e meglio, più lentamente, meno rabbiosamente.
Ripreso a fare sport. (avevo del tutto smesso diventando un sacco di merdosi rotoli di lardo)
Già va meglio. La strada è buona.
Ho anche escogitato un metodo di studio che dovrebbe funzionare. (in quarto, complimenti)

Ma di tempo tra ansie, paure, dolori, ricordi… ne ho sprecato tanto.
Ho osservato la mia vita scorrere e quella degli altri marciare spedita.

Adesso mi sono rotta il cazzo.
Seguaci qui ne abbiamo più, oppure?

Come state?

Navigazione articolo