ballatasadica

A sua (di Lei) immagine e somiglianza.

sentirsi a casa

Ogni volta che riprendo il treno per tornare a casa, una volta tornata da Roma, mi pare di lasciarci un pezzetto di cuore.

E Ogni volta che vedo l’Umbria farsi Lazio, le scritte sui muri, l’odore di olio acre dentro il treno regionale, Orte e poi Roma, dove finisce la stazione, così che non ti puoi sbagliare, sei lì, ci sei arrivato. Ogni volta che succede quello penso “casa”, “sono a casa”, quella mia vera, che se ne frega dei cromosomi, la casa dove abita la mia parte più intima.

A Roma di solito son lì…di passaggio. Ma son sempre passaggi importanti.

Ero lì per andare in Australia e pure in Lituania, ero lì con le valigie capienti, trascinandomele dietro per i pavimenti lisci di Roma- Fiumicino. Ero lì aspettando gli imbarchi, per quelle cazzo di mete esotiche e gite di classe, quando quasi quasi sarei uscita da Fiumicino e compiuto la follia di lasciar partire quell’aereo dove meglio voleva, prendere il telefono, cercare un posto per dormire, i bagagli ce l’ho. E godermela sola, Roma, e non di passaggio, in tutto quello splendore disfatto che neanche una Linda e Pinta Firenze o una grigia Trieste o una verdeggiante Pisa o una solida Siena.

E quando tornavo dai miei viaggi, soprattutto dopo Perth, dopo aver attraversato aeroporti asettici, te ne torni lì, a Fiumicino, le valigie si inceppano nel nastro, le scaraventano per terra, imprecano, e penso solo che mi era mancato tutto ciò, sì, mi era mancato. Sono di nuovo a casa.

Ma sono cose che chi non ha a che fare con quella regione non può capire.

Perché sì, ok- l’ho pensato tante volte- troverai al mondo città più grandi di Roma, più pulite di Roma, più ordinate di Roma, più all’avant-garde di Roma, ma quello che respiri a guardare il Fontanone di notte o quando conservi come un intimo segreto il volo dei passeracci, e sai, che se volano quelli, a Roma piove. Quelle sono cose che non le troverai mai, neppure in capo al mondo, da nessuna parte.

Roma che si gira in un giorno.

Quinta elementare , Roma.

Molto spesso d’Inverno, Roma.

A guardare il Papa, Roma. Andare dal papa solo perchè viaggi gratis. E sai che non ti terrà molto. E poi sei libera, di girartela un po’, di spostarti coi taxi, come meglio credi. Tutto il pomeriggio.  E di sbagliare uscita della metro. Alle otto e mezza in piazza di Spagna, si ritrova sempre, tanto.

Trinità dei monti. Le scale e l’obelisco, via dei Condotti dall’altra, che si apre a “T” come stretta da edifici che le solcano il perimetro.

Quando aprono la pista del ghiaccio all’aperto. Quando cammini e ti becchi Marzullo e stai quasi lì per dirgli “fatti una domanda e datti una risposta”.

Le matriciane sincere di Roma. E quelle quattro chicce da gita. I musei, l’altare della patria, trinità, Colosseo, bocca della verità, i fori, sì ok. Tutto bello, ma sono cose che guardi una cartina e…

è via Frattina il punto. E le altre viuzze.

E’ lì che trovi sempre qualcosa di buono , è lì che se magna bene.

Quando, e che cazzo, raccogli una manciata di spicci, dai le spalle al Fontanone, e il tuo desiderio è “viverci”. 

Roma verace, schietta, alla buona, mai altera, sfatta, giocosa, e Dio, quanto cazzo so boni quei bucatini lì, tre dita di unto, tre dita di sugo, tre dita di pancetta, tre dita di pecorino.

Quei bucatini veri. Grassi. Unti. Sublimi.

A Roma se non altro quando vai a mangiare in questi posti, ti riempono il piatto.

Una cucina non gnè gnè gnè, capite.

Va bè.

Viverci, ecco.

Maledirla per il traffico sconclusionato.

Maledirla per i parcheggi.

Maledirla per ciò che vuoi, ma sentirsi a casa.

 

(c’incontreremo all’angolo, in quel bar di via Frattina,è bello non vedersi…come amanti, stamattina…)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: